Come coltivare i fiori eduli

Come coltivare i fiori eduli

I fiori eduli sono una varietà di piantine i cui fiori sono commestibili. Spesso utilizzati in cucina per decorare dessert e torte, i fiori edibili sono anche un toccasana naturale per la nostra salute, in quanto contengono tante sostanze utili per il benessere del nostro organismo. Coltivare i fiori eduli in casa, con il sistema della serra idroponica, vi permette di avere sempre a disposizione i preziosi petali per preparare ottime ricette dolci e salate, salutari infusi e decotti.

Cosa sono i fiori eduli?

I fiori eduli sono una dimostrazione di come la natura sia ricca e generosa nei confronti degli esseri umani: si tratta di una varietà di fiori commestibili, ricchi di tante proprietà benefiche per la nostra salute e sempre più utilizzati in cucina, dalle ricette dei grandi chef, a quelle casalinghe.

Alcune specie di questi fiori sono già noti e consumati regolarmente, come i fiori degli ortaggi, lo zafferano, i carciofi e i cavolfiori. Altri, invece, sono ancora poco noti al grande pubblico e per questo vengono spesso scambiati per fiori ornamentali, da giardino o da vaso.

Si tratta di piante con infiorescenze dai colori vari e dall’aspetto gradevole, come la viola, il sambuco, la begonia, la calendula, ma anche il garofano e altri.

Dei fiori edibili si mangiano i petali, che vanno raccolti preferibilmente al mattino e privati del polline.

I petali dei fiori eduli sono ricchi di particolari sostanze nutrizionali e vitamine:

  • sali minerali;
  • vitamina A e C;
  • antiossidanti, come i flavonoidi e i carotenoidi.

Sono molto poveri di grassi, ma vanno comunque consumati con moderazione, soprattutto nel caso di soggetti allergici e donne in gravidanza.

I fiori commestibili sono generalmente usati per arricchire le insalate, condire risotti e secondi piatti.

Ogni tipologia di fiore ha caratteristiche organolettiche precise, aromi e gusti differenti che si abbinano diversamente alle varie pietanze. Si possono pertanto mangiare crudi con le verdure, gli ortaggi o la carne, fritti in pastella e molto altro.

I fiori eduli, poi, sono molto utilizzati nella preparazione di sciroppi e decotti, ma anche cocktail, gelati e sorbetti, ai quali, oltre al caratteristico aroma, conferiscono anche colore.

I fiori edibili sono diffusi in commercio anche in versione essiccata e sotto forma di polvere, da utilizzare come lo zafferano, o perfetti per preparare tisane dalle proprietà antinfiammatorie.

Le varietà di fiori eduli da coltivare

Noti fin dall’epoca romana, i fiori commestibili crescono facilmente in giardino e, come la maggior parte delle piante ornamentali e le erbe aromatiche, preferiscono i climi temperati e, in genere, fioriscono dalla primavera, nel periodo maggio-giugno, fino a settembre, o comunque fino alla fine della stagione autunnale.

Esistono diverse varietà di fiori eduli e, conoscerne le caratteristiche e le proprietà, è importante per procedere a una corretta coltivazione.

Tra le varietà più note di fiori destinati all’alimentazione, oltre ai ben noti fiori dell’orto della zucca, carciofi e cavolfiori, vi citiamo anche:

  • viola del pensiero
  • calendula
  • nasturzio
  • lavanda
  • sambuco
  • begonia
  • rosa
  • garofano
  • malva
  • dente di leone
  • crisantemo
  • iris
  • mirto
  • gelsomino bianco

Queste sono solo alcune varietà, ma vi sono tanti altre specie di fiori eduli che potete coltivare anche in casa e utilizzare in cucina, per decorare e arricchire con preziose proprietà nutrizionali i piatti che portate in tavola.

Come già detto, i piccoli fiori edibili hanno proprietà benefiche per il nostro organismo e, consumati regolarmente insieme alle verdure, costituiscono un cibo toccasana per le loro caratteristiche antiossidanti date dai flavonoidi, le stesse sostanze che danno colore ai fiori, insieme ai carotenoidi.

Tuttavia, tra colore dei fiori e aroma, non vi è sempre una corrispondenza diretta: il grado di acidità, o il gusto piccante varia in base alla tipologia di fiore. Per questo motivo, è bene documentarsi sulla varietà che si sceglie di coltivare e utilizzare per preparare pietanze o condire i piatti.

Infatti, i fiori eduli, oltre che per la decorazione di dessert e torte, possono essere utilizzati per esaltare sapori e proprietà di tanti cibi.

Il nasturzio, per esempio, è una delle varietà più diffuse, dal sapore dolce e leggermente piccante: può essere sostituito ai capperi nei suoi diversi utilizzi. Ha un alto contenuto di vitamina C ed effetti positivi sull’apparato digerente.

La viola del pensiero contiene vitamina C e ha un sapore molto delicato ed è ottima come ingrediente da aggiungere alle insalate.

La lavanda, invece, come è facile intuire, ha un sapore dolce e speziato: ideale per la preparazione di dessert, ma anche di alcune ricette salate.

La begonia, infine, ha un sapore simile a quello del limone e per questo è ottima per profumare piatti di carne, preparare gelati, sorbetti e macedonie di frutta. Contiene molte vitamine e ha proprietà antinfiammatorie.

Come coltivare i fiori commestibili in casa

Coltivare i fiori edibili a casa è una buona soluzione per chi ama la cucina biologica e naturale. Le piantine dei fiori commestibili, inoltre, sono anche ornamentali: coltivate in giardino o in vaso, con il verde e i colori accesi dei fiori profumati, arredano con la loro bellezza il terrazzo o il balcone.

A seconda della varietà, la fioritura può variare dal mese di maggio a settembre, oppure durare tutto l’anno nel caso delle specie perenni.

La coltivazione dei fiori eduli in casa richiede molta attenzione, poiché le piantine sono soggette ad attacchi da parte di parassiti e insetti e sono anche sensibili ai bruschi sbalzi di temperatura. Amano l’esposizione al sole e richiedono irrigazione costante con l’apporto dei giusti nutrienti. Se destinati all’utilizzo in cucina, poi, è bene non utilizzare antiparassitari chimici.

Proprio per queste ragioni, la coltivazione in serra idroponica dei fiori eduli è altamente consigliata, poiché permette di coltivare le piantine in un sistema che offre loro le condizioni ideali per crescere e svilupparsi in salute e rigogliose.

Con il kit completo per serra idroponica del progetto Coltivami, potete realizzare il vostro orto di erbe officinali e fiori eduli, seguendo i consigli presenti nella guida hi-tech e confrontando le vostre esperienze sulla piattaforma dedicata all’idroponica.

La serra idroponica ha diversi vantaggi nella coltivazione e cura delle piantine in ambiente domestico. È dimostrato, infatti, che i vegetali, siano essi piante per uso ornamentale, ortaggi, erbe officinali o fiori edibili, hanno la possibilità di crescere e produrre in un ambiente ottimale.

La serra idroponica vi offre la possibilità di realizzare e mantenere il microclima ideale per la germinazione dei semi e il trapianto delle piantine e permette di ottenere:

  • illuminazione e temperature costanti;
  • irrigazione regolare;
  • giusto tasso di umidità e buon drenaggio dell’acqua in eccesso;
  • valore neutro del pH del substrato;
  • giusto apporto di nutrienti.

Vi diamo alcuni consigli per iniziare a coltivare i fiori commestibili: innanzitutto, scegliete la varietà di piantine che gradite e informatevi sulle caratteristiche organolettiche dei petali e delle foglie. Realizzate un substrato adatto per la semina, o il trapianto, con argilla espansa e fibra di cocco.

Per utilizzare i vostri fiori in cucina, è necessario utilizzare fertilizzanti da diluire nell’acqua per l’irrigazione secondo le dosi indicate: in questo modo potrete utilizzare in ogni momento i petali freschi per preparare tantissime ricette dolci e salate, infusi, sciroppi e bevande.

Coltivare i fiori commestibili in casa ha quindi diversi vantaggi: con la serra idroponica anche queste piantine dimostrano di avere una crescita veloce, al riparo da attacchi di agenti patogeni, o parassiti che in genere contaminano le coltivazioni a terra.

I fiori eduli sono quindi una risorsa per il nostro benessere quotidiano grazie alle sostanze nutritive contenute nei petali e nelle foglie. È possibile inoltre effettuare la raccolta dei fiori e congelarli, oppure essiccarli per utilizzarli in seguito.

Con la serra idroponica, i fiori eduli non sono soggetti a stagionalità e possono essere coltivati anche in piccoli spazi in cucina, veranda o soggiorno.