Idroponica o terra? Ecco le differenze

Idroponica o terra? Ecco le differenze

La coltivazione fuori suolo è una tecnica relativamente recente che ha portato grandi vantaggi nel settore dell’agricoltura, soprattutto nei paesi con condizioni climatiche estreme. Anche a livello domestico, la coltivazione idroponica presenta molti vantaggi e costituisce una valida alternativa al giardinaggio e all’orticoltura a terra.

Con la coltivazione idroponica, poi, è possibile realizzare piccoli giardini e orti indoor, persino in appartamento e in città, sfruttando gli spazi disponibili senza sovrastrutture o accessori ingombranti. I kit per serre idroponiche ricreano le condizioni ambientali e climatiche ideali per la coltivazione di una grande varietà di vegetali.

Coltura idroponica o fuori suolo

La coltivazione fuori suolo è un sistema di coltivazione in substrato o in mezzo liquido (idroponica).

In agricoltura, su scala industriale e a livello globale, l’idroponica è una tecnica relativamente recente che, però, ha riscontrato immediatamente successo, soprattutto nelle zone del mondo dove avversità climatiche e fisiche del territorio rendono difficile e insostenibile la maggior parte delle coltivazioni per uso alimentare.

In molti paesi, le serre idroponiche per la coltivazione estensiva di ortaggi rappresentano la soluzione ideale per far fronte alle esigenze della popolazione e salvaguardare le produzioni agricole.

I sistemi di coltivazione senza suolo si sono rivelati particolarmente indicati nella coltivazione di ortaggi. L’esperienza, infatti, ha evidenziato come queste colture in idroponica abbiano una crescita e uno sviluppo migliore, rispetto ai vegetali coltivati a terra. La coltivazione in serra, poi, permette ai coltivatori di avere un raccolto cospicuo e costante per soddisfare le richieste del mercato durante tutto l’anno. L’utilizzo di lampade a led e altri strumenti è fondamentale per ricreare il microclima ideale per la coltura di vegetali tipicamente estivi. La coltura idroponica, a livello globale, ha rappresentato una svolta ecosostenibile per la produzione ortofloricola su scala mondiale.

Recentemente, la tecnica della coltivazione idroponica ha preso piede anche nelle coltivazioni domestiche e nel settore del giardinaggio.

I principi su cui si basa il funzionamento dei sistemi idroponici sono sempre gli stessi:

  • coltivazione delle piante su una base di un substrato inerte;
  • microclima ideale tutto l’anno ottenuto tramite illuminazione con luci a led;
  • nutrimento costante per le piante tramite soluzione nutritiva specifica.

L’idroponica, quindi, oltre a presentare importanti opportunità per l’agricoltura, offre tanti vantaggi anche per il giardinaggio e l’orticoltura indoor.

Idroponica o terra: quale scegliere?

Il giardinaggio e la coltivazione dell’orto domestico sono pratiche gratificanti e ricche di soddisfazioni.

Soprattutto per chi ha disposizione un giardino, o un terrazzo, la coltivazione di piante ornamentali e da orto, permette di realizzare degli angoli verdi e profumati di cui godere durante la stagione primaverile ed estiva.

La coltura nel terreno è semplice e immediata, ma richiede una certa conoscenza delle tecniche di coltivazione delle piante e delle loro specifiche esigenze riguardo esposizione, periodo di semina, fioritura e raccolta dei frutti.

La coltivazione delle piante in terra e outdoor è soggetta alla stagionalità e alle imprevedibili variazioni climatiche.

Il terreno, poi, va comunque fertilizzato e trattato in modo che possa offrire il nutrimento necessario alle piante, senza ristagni di acqua e alterazioni del pH.

La coltivazione senza suolo, sia indoor che outdoor, può utilizzare un substrato con caratteristiche drenanti, capace di sostenere le radici e far passare l’aria per una corretta ossigenazione delle piante. Il substrato, fertirrigato con la soluzione nutritiva adatta, fornisce ai vegetali i nutrienti necessari per la loro crescita, migliorando la quantità e la qualità della produzione di fiori o frutti.

Il substrato che sostituisce la terra, generalmente, è composto da:

  • argilla espansa;
  • sabbia;
  • fibra di cocco.

Per esempio, se avete a disposizione un piccolo terrazzo, o volete coltivare le vostre piante in casa, la coltura idroponica è più indicata perché richiede meno manutenzione e limita in maniera evidente l’infestazione da parte di insetti o parassiti.

La tecnica idroponica, poi, presenta molti vantaggi per la coltivazione indoor: è igienica e non sporca con residui di terra, non produce odori sgradevoli ed è molto versatile poiché l’impianto può essere collocato in qualsiasi ambiente domestico.

Germinazione: qual è la differenza tra la coltivazione a terra e quella fuori suolo

La tecnica della coltivazione senza suolo è una soluzione alternativa a quella su terreno e la si può sostituire sin dall’inizio della coltivazione. Lo speciale substrato, infatti, una volta irrigato con i nutrienti e i minerali più adatti alle tipologie di piante scelte, è in grado di supportare i vegetali in ogni loro fase di crescita e vegetativa.

Nella coltivazione a terra, i semi vanno messi a dimora nel terreno, oppure, spesso, vanno piantati in semenzaio fino a quando i germogli non raggiungono una la maturità per essere trapiantati nel terreno. La semina nel terreno, comunque, va sempre fatta tenendo presente diversi fattori che dipendono dal tipo di piante, dalla stagione e dall’esposizione alla luce.

Il terreno va sempre concimato e trattato in modo che parassiti, insetti, muffe o funghi non aggrediscano i semi o i germogli.

Nella coltivazione idroponica, invece, i semi, o i germogli, vanno messi a dimora nello speciale substrato che ha il potere di offrire al seme, o alle tenere radici, il giusto supporto e nutrimento per svilupparsi velocemente.

Il substrato idoneo ha notevole capacità drenante e, allo stesso tempo, riesce a trattenere le sostanze dei fertilizzanti per nutrire in maniera costante e omogenea le piantine.

Nella coltivazione indoor, con serra idroponica, è possibile ricreare anche il clima ideale per la germinazione delle piante, senza vincoli di stagionalità.

Con il kit completo per la serra idroponica del progetto Coltivami, potete realizzare il vostro orto o giardino indoor, seguendo le istruzioni e i consigli della guida hi-tech sulla piattaforma dedicata.

Tutti i vantaggi della coltivazione idroponica

Come abbiamo visto, anche in agricoltura, la coltivazione idroponica presenta diversi vantaggi rispetto alla coltivazione a terra. Gli stessi vantaggi sono presenti anche su scala ridotta, come nel giardinaggio e nella cura dell’orto domestico.

La coltivazione idroponica, ideale per le coltivazioni outdoor e indoor in vaso, in terrazzo, o sul balcone, è perfetta per chi vuole ricreare una piccola oasi verde o un orto domestico dentro casa.

Come già accennato, rispetto alle coltivazioni con la terra, la coltura con il substrato è più igienica e garantisce maggiore pulizia nell’ambiente.

La serra idroponica, completa di luce a led e irrigazione, ricrea l’ambiente ideale per permettere alle piante di crescere nelle migliori condizioni: dalla germinazione, allo sviluppo vegetativo, alla fioritura o produzione di frutti.

Il successo della coltivazione dipende dai seguenti elementi:

  • illuminazione e temperatura calibrate sul tipo di coltivazione;
  • pH neutro del substrato;
  • nutrizione equilibrata;
  • tasso di umidità costante e nessun ristagno di acqua.

Una volta a regime, la serra idroponica compensa più che adeguatamente l’investimento iniziale per la sua installazione, poiché riduce al minimo il consumo di acqua e di fertilizzanti. Inoltre, tutti gli elementi della serra, una volta concluso il ciclo di vita delle piante, sono riciclabili e riutilizzabili per una nuova coltura.

La coltivazione idroponica urbana è ideale per chi ha poco spazio a disposizione, poiché si adatta facilmente ad ogni esigenza. L’orto in casa di erbe aromatiche e officinali, per esempio, costituisce una piccola risorsa per il bisogno delle famiglie: una piccola oasi verde di profumi e relax da cui attingere in ogni momento della giornata.

La coltivazione idroponica, quindi, è ecosostenibile ed economica, adatta a chi ha il pollice verde, ma anche a chi non ha dimestichezza con il giardinaggio; è versatile e adattabile ad ogni ambiente domestico, regala soddisfazioni e benessere a tutta la famiglia.